Almeno otto detenuti in Spagna dagli attacchi a Bruxelles

Untitled
L'indagine è iniziata otto mesi fa grazie alla chiamata da un cittadino che ha avvisato la polizia. | Foto: @InLibertatem

Circa otto sospetti terroristi sono stati arrestati martedì mattina a Barcelona (Spagna), tra cui quattro sospettati di aver partecipato ad attentati che hanno avuto luogo a Bruxelles nel marzo 2016, con un equilibrio 35 morti e 340 feriti, ha riferito di forze di sicurezza spagnole.
Capo dell’operazione, effettuata da “Mossos d’Esquadra (polizia autonoma catalana) in collaborazione con la polizia belga, è stato un giudice del pubblico nazionale.
> Almeno 17 uccisi dai bombardamenti delle forze di polizia del sud della Somalia in un totale di 12 record a Barcellona e altre zone vicine a questa città.
Alcuni detenuti, sono presumibilmente legati agli attacchi in marzo 2016 in Belgio, secondo i ricercatori.
Il capo della “Mossos d ‘Esquadra”, José Lluís Trapero, ha spiegato che il “collegamento possibile” quattro dei detenuti con gli attacchi del 22 marzo 2016 all’aeroporto di Bruxelles e la metro sta indagando.
Cash ha riferito che tutti i detenuti sono di origine marocchina, ma risiedono in Catalogna e hanno età compresa tra i 31 e 39, molti di loro con una storia di criminalità comune e traffico di droga.
> Bilancio della cooperazione russo e l’interferenza degli Stati Uniti in Siria secondo Trapero, è “chiaramente la più importante operazione effettuate finora” per i Mossos d’Esquadra in Catalogna è correlato gli attacchi dei gruppi estremisti.