Essi rivelano dettagli di società offshore di Guillermo Lasso

Untitled
La scheda elettorale per le elezioni presidenziali sarà domenica 2 aprile. | Foto: Reuters

Un nuovo rapporto dal giornale Pagina/12 ha rivelato la presunta proprietà di società offshore da parte del candidato per la presidenza dell’Ecuador Guillermo Lasso. Queste informazioni vengono aggiunte alle denunce già fatte dal giornalista Cynthia García di una rete di società nei paradisi fiscali utilizzati dal banchiere per l’estrazione della capitale.
La ricerca rivela 29 Ditte nello stato della Florida, utilizzato per l’acquisto di immobili lotti durante la crisi della bolla immobiliare negli Stati Uniti nel 2009. Questo stato è considerato un paradiso fiscale dal servizio di Affitti interni (SRI) di Ecuador.
Le aziende hanno nomi come Bill, Malena e Nora, alludendo alla madre del candidato della Alleanza credere-somma, in ordine seriale, come investimento di Nora. Le imprese vengono inserite nel nome di famiglia e proxy del banchiere e facevano parte del quadro di 49 aziende nei paradisi come Panama, Isole Cayman e Delaware.
Un sacco di bene immobile è stato acquistato tra il 2009 e 2010 da fino a un terzo del suo valore reale nelle aste condotte dalle banche e lasciato 14 milioni di persone senza fissa dimora. Ad esempio, Garcia mette una proprietà a Oakland Park, in Florida, che è stato valutato a $ 161, ma è stata acquisita dalle aziende del lazo nel 98 mila.
Lo scandalo delle società offshore nei paradisi fiscali ha generato sospetto tra i membri di Assembly ecuadoriano come Página/12 punti ricerca per altri illeciti finanziari come l’acquisto di Banisi, una banca Panama di proprietà di Lasso, un trust anche tuo, quale beneficio un’appropriazione indebita di banca. Controllare che queste accuse sarebbe una violazione del codice monetario e finanziario nel 2014, secondo il deputato per il paese di alleanza di Pichincha, Soledad Buendía.
> Analista avverte: “piano di lazo destabilizzerà la nazione”