Debito esterno argentino registrato record di crescente

Untitled
Il governo di Mauricio Macri attribuito questo fenomeno alla responsabilità della gestione precedente. | Foto: Reuters

Dall’arrivo di Mauricio Macri per la presidenza dell’Argentina e l’immediato rilascio dei loro controlli di capitale, il debito esterno lordo (stato nazionale, Province e aziende) eruttato fino ad arrivare a quelli 211 milioni di dollari, tornitura è nel record di figura, e il pubblico passivo ammontava fino a che loro 143,6 milioni di dollari.
Anche così, i leader del cambiamento responsabile per “l’eredità pesante” acquisito per loro giustificano misure che ha preso il governo di Macri.
> 63 per cento di argentini credere che Macri fallito promette il numero che corrisponde al debito totale (i 211 milioni dollari), che rappresenta un 26 per cento o 40.500 milioni di dollari più l’inserita alla fine del precedente governo di Fernández, vivendo una crescita marcata, dopo il rilascio dei controlli sui capitali e l’applicazione delle politiche neoliberiste.
Amministrazione di PRO ha stabilito che il principale strumento di finanziamento del settore pubblico sarebbe il collocamento all’estero del debito, con l’intento di rammollimento di aggiustamento fiscale e l’inflazione in avanti in un contesto recessivo. Ma le misure del cambiamento, a sua volta, portato a Province e aziende a partecipare a questo processo di debito in valuta estera, con il declino dei tassi in dollari e l’apertura del mercato internazionale.
I dati: il governo di Macri non ha avuto il favore del pubblico, in poco più di un anno al potere, essendo le sue misure economiche presto accettato dal popolo argentino. Durante il suo mandato, hanno aumentato il numero di disoccupazione, povertà e inflazione.
> Tarifazos, la disoccupazione e la povertà: saldo di un anno di Macri loro politica neoliberista del governo di Mauricio Macri hanno derivato in un considerevole aumento del debito esterno, anche se la sua amministrazione attribuito la responsabilità di questo fenomeno alla gestione precedente.