Cile Terrorism Act non si applica agli indigeni Mapuche

lainfo.es-9285-marta-mauras
Ambasciatore del Cile a Ginevra (Svizzera), Marta Mauras annunciato l'impegno del governo a non applicazione del Terrorism Act ai membri dei popoli indigeni per gli atti della domanda sociale. (Foto archivio)

Il presidente cileno Michelle Bachelet ha promesso Giovedi davanti al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite (ONU) di non applicare la legge anti-terrorismo per indiani Mapuche che, secondo criminalizzare i difensori dei diritti umani, lotta contro queste tribù la loro terra.
Ambasciatore del Cile a Ginevra (Svizzera), Marta Mauras annunciato “l’impegno del governo a non applicazione del Terrorism Act ai membri dei popoli indigeni per gli atti della domanda sociale” e ha rivelato che la legge “è in fase di studiare in vista di una revisione alla luce delle norme internazionali. ”
“Il Terrorism Act criminalizza la lotta mapuche e dà poteri straordinari alla polizia esprime con la violenza contro le comunità che lottano per la restituzione della loro terra o che si oppongono progetti infrastrutturali che riguardano l’ambiente”, ha detto Reynaldo Mariqueo di Mapuche Comitato delle ONG per i diritti umani, che è intervenuto nel dibattito.
Stati Uniti, Germania e Cuba avevano chiesto il Cile di non applicare le misure di emergenza di cui al Terrorism Act Mapuche nel contesto dei conflitti interculturali.
Nel mese di gennaio, il Cile ha presentato alla Revisione periodica universale del Consiglio dei diritti dell’uomo per la revisione generale dei diritti e delle libertà che tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite devono fare ogni quattro anni.Delle 185 raccomandazioni formulate tutti i 84 stati membri, Cile “ha deciso di accettare un totale di 180 raccomandazioni, poiché condivide i suoi scopi”, ha detto in un documento ufficiale del governo cileno.
D’altra parte, il Cile ha respinto le raccomandazioni del Vaticano su aborto, suggerimenti protezione dell’identità della famiglia di un uomo e una donna, e la raccomandazione della Bolivia per garantire i diritti umani di boliviani che vanno e ritorno il territorio Cile, che il governo dice sono protetti.