Russia respinge il progetto sulle armi chimiche in Siria delle Nazioni Unite

Untitled
Dopo le accuse circa l'uso di armi chimiche in attacco, Francia, Stati Uniti e il Regno Unito ha presentato il progetto di risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.  | Foto: Reuters

Russia ha respinto mercoledì il progetto di risoluzione presentato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulle armi chimiche in Siria, dopo l’attacco a nord della nazione araba in cui almeno 72 persone sono state uccise. 
> Siriano governo nega l’attacco chimico in Idleb, il portavoce del Ministero degli esteri russo, María Zajárova, ha detto che il progetto è “anti-siriano” e si può rendere impossibile il processo negoziale, catalogazione e “inaccettabile”.
“Venire a mancare è che anticipa i risultati dell’indagine e sui mezzi volare colpevoli,” ha detto.

Consiglio di sicurezza delle foto delle Nazioni Unite: Zajárova Reuters ha esortato per consentire l’accesso da esperti dell’organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) al posto dell’attacco, in provincia di Idlib, per indagare il presunto utilizzo di agenti tossici in Siria. Egli ha sottolineato che i media occidentali si stanno affrettando per colpa Damasco per il presunto uso di armi chimiche.
> Il Presidente del Cile condanna l’attacco chimico sulla Siria per parte sua, l’esercito siriano ha negato l’uso di materiali chimici o tossici in località, assumendo la responsabilità di gruppi terroristici operanti nella zona dell’incidente. Mentre il presidente americano Donald Trump accusato il governo di Bashar Al-Assad “attacco chimico”.