Morales ha invitato i lavoratori a rifiutare l’anarchia finanziaria

lainfo.es-10139-evo
Il presidente della Bolivia, Evo Morales, sindiacales analizzati con i rappresentanti di vari paesi, la loro unità contro il capitalismo. (Foto archivio)

“Un nuovo mondo senza oligarchie, le gerarchie e le monarchie è possibile anche senza l’anarchia finanziaria”, ha detto Lunedi il presidente della Bolivia, Evo Morales, i rappresentanti sindacali provenienti da diversi paesi che si trovano da Lunedi a Cochabamba (centro-ovest ) analizzando la loro unità contro il capitalismo.
Durante l’incontro che si è tenuto presso l’auditorium di sindacalisti chiamati dal Central Obrera Boliviana (COB), Morales ha detto che fintanto che questi sistemi politici e anarchia finanziaria “, mentre banchieri e uomini d’affari rule” continuerà la lotta per i lavoratori contro “l’imperialismo e il capitalismo.”
Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti dei sindacati di Argentina, Brasile, Cile, Cuba, Ecuador, Messico, Egitto, Stati Uniti, Grecia, India, Perù, Iran, Sud Africa, Russia, Uruguay e Venezuela, tra gli altri, chi sarà nel paese fino al gli organizzatori hanno detto Mercoledì.
Il presidente boliviano ha anche espresso il sostegno della riunione in Venezuela perché soffre di un “attacco politico” di “impero” e che l’Argentina deve affrontare un “ricatto economico” dai “fondi avvoltoio” (speculative).
L’evento il Lunedi affrontato anche il segretario generale della Federazione Sindacale Mondiale (FSM), il greco George Mavrikos, che ha notato che i sindacati sono in un “molto importante per l’aggressione imperialista” quando paesi come l’Ucraina, Iraq, Siria, Mali, Africa centrale e ai governi come il Venezuela e Cuba.”Siamo consapevoli che l’obiettivo principale dell’imperialismo non è democrazia, sono ipocriti quando dicono che le loro azioni sono per la democrazia”, ​​ha detto Mavrikos. Ha aggiunto che risolvere questa situazione, i sindacati del mondo hanno come arma “solidarietà e dell’internazionalismo.”