Ricostruzione del Perù vi costerà circa 9000 milioni di dollari

Untitled
Diversi studi sostengono che le piogge che si sono verificati nel paese sono simili al fenomeno di El Niño del 1998 | Foto: EFE

I costi per la ricostruzione delle zone distrutte dal piogge e inondazioni costerebbe il governo fino a 3000 milioni dollari a breve termine, raggiungendo i 9000 milioni di dollari in cinque anni, secondo il presidente Pedro Pablo Kuczynski. 
Il progetto di governo prevede di elevare il limite del deficit fiscale ad accumulare da questo anno fino al 2020, un incremento del 3,2 per cento del prodotto interno lordo (PIL) tra, che è uguale a seimila 253 milioni di dollari.

Secondo il Ministero dell’economia, spesa proiettata vi permetterà di spinta all’economia, ora retratto da vari fattori, che chiama in causa l’economista Farid Matuk, ex-capo dell’Istituto nazionale di statistica.

L’esperto ha sottolineato che l’importo risultante dall’aumento del disavanzo fiscale solo verrà utilizzato per la ricostruzione delle infrastrutture pubbliche e il costo di alloggiamento o riparazione a carico di coloro che sono colpiti.

#Perú più di 700 mila peruviani da nord a rischio di cadere nella povertà a causa del fenomeno di el Niño (Via: @camaradelima) pic.twitter.com/VuddIU0cJ2 – Jaime Herrera (@JaimeteleSUR) 25 aprile 2017 pesanti piogge e inondazioni in Perù lasciato 114 morti, 185.873 feriti e 1 milione colpite 81.893.