Evo Morales: ora abbiamo uno stato che non è sottomesso all’Impero

Untitled
Morales ha inviato i suoi complimenti a tutti i lavoratori. | Foto: @Canal_BoliviaTV

Il Presidente della Bolivia, Evo Morales, ha detto Lunedi che il suo paese è ora uno stato che non è sottomesso all’Impero, nel quadro della celebrazione della giornata del lavoratore.
“Il sistema imperialistico non vorrà mai una gara, se qualcuno ottiene lassù per imporle, presentarli, grazie alla lotta del popolo boliviano abbiamo uno stato che non è sottomesso all’Impero, noi abbiamo dignitosa”, ha sottolineato il Presidente.
> 11 anni della liberazione economica in Bolivia ha dichiarato che la lotta del popolo boliviano è di bloccare il modello neo-liberale e recuperare le risorse del paese, “combattimento recuperare la patria”, ha detto.
Allo stesso tempo chiamato per il settore privato capire il modello economico non è solo di nazionalizzazione, se non trovare certa uguaglianza.

#DíaDelTrabajo | Pdte. @evoespueblo: la nostra lotta, il nostro compito è di garantire la sovranità economica. #BoliviaTrabaja – ufficiale di Bolivia TV (@Canal_BoliviaTV) 1 maggio 2017 Morales aumento salariale emanato due decreti suprema stabilisce un salario aumentare per quest’anno da 10,8 per cento al minimo nazionale e il 7 per cento per il credito di base dei lavoratori, che avvantaggia anche funzionari pubblici.
Dopo l’emanazione dei decreti, il capo di stato notato che dal 2006, l’aumento del salario minimo è cresciuto da 440 a 2.000 boliviani; Mentre un decennio precedente (1995-2005) è aumentato solo 221 a 440 bolivianos.
> Almagro dovrebbe rispettare i principi di OAS, Evo Morales insiste “in 10 anni lo stipendio aumentare prima e oggi.” Nel 1995 il salario minimo nazionale era in bolivianos 221, fino al 2005 è aumentato a 440 bolivianos; e a undici anni (dal 2006), 440 bolivianos 2.000 boliviani di aumentare il salario minimo nazionale, “ha detto Morales.

#DíaDelTrabajo | Pdte. @evoespueblo: questo riconoscimento ai lavoratori è proprio con l’aumento di stipendio. #BoliviaTrabaja pic.twitter.com/6imvDeXnDo – ufficiale Bolivia TV (@Canal_BoliviaTV) 1° maggio 2017