Ordine di blocco di Trump taglia fondi per città santuario

Untitled
Il giudice ha detto che l'ordine esecutivo che ha proclamato Trump non può essere eseguito, perché essere, violerebbe la costituzione degli Stati Uniti | Foto: Reuters

Il giudice della Corte federale del distretto settentrionale della California a San Francisco, William Orrick, bloccato il martedì il decreto del governo del Presidente di Stati Uniti d’America (USA), Donald Trump, che avrebbe tagliato i fondi per la cosiddetta “città santuario” che si rifiutano di cooperare con le azioni federali per rimpatriare gli immigrati.
Dopo una querela da San Francisco e Santa Clara County contro l’ordine esecutivo del Presidente Trump, di essere considerata per causare “irreparabili” danno al popolo americano e al “tessuto stesso” governo, giudice ha emesso una sentenza temporanea che sarà in vigore mentre la domanda è depositata in tribunale.
Inoltre, Orrick trovato quell’ordine esecutivo che proclamò Trump nella sua prima settimana al potere non può essere eseguito, perché in questo caso, essere violerebbe la costituzione degli Stati Uniti
Il blocco si verifica in tutto il paese e applicato in 200 istituzioni locali che proteggono gli immigrati di essere deportati nei loro paesi di origine.
“Queste violazioni costituzionali si applicano in tutti gli Stati e giurisdizioni locali. Vista la portata dell’ordine e la loro apparente sentenze costituzionali, un blocco a livello nazionale è opportuno”, ha detto il giudice.
> Jeff Sessions insiste campagna contro le “città santuario” Tuttavia, il dipartimento di giustizia ha dato un ultimatum venerdì scorso “Santuario della città”, in particolare a nove giurisdizioni del paese, che ha richiesto il test entro il 30 giugno, che stanno dando informazioni al governo federale su clandestini sul proprio territorio.
L’ultimatum riferisce l’intero stato della California e la città di New York, Chicago, Philadelphia e New Orleans; Oltre le contee di Miami-Dade (Florida), Clark (dove si trova Las Vegas, Nevada), Cook (Illinois); e Milwaukee (Wisconsin).
> Sessioni minacciano di “città santuario” con tagli a fondi