Russia teme un nuovo attacco con armi chimiche, dare la colpa a Siria

Untitled
Siria è stato il bersaglio dell'uso di armi chimiche da membri del turco. | Foto: AFP

Ministero degli esteri di Russia ha espresso il timore che si verificano nuovi scenari che ripetono uso di armi chimiche in Siria nei prossimi giorni.
Il direttore del dipartimento di non proliferazione e disarmo al Ministero degli esteri russo, Mijaíl Ulianov, ha chiarito che il West è paura di svolgere un’indagine imparziale all’attacco chimico in Khan Sheikhoun, perché esso sarebbe confutare le pretese di Damasco.
> Chimica attacco fu opera di terroristi e Turchia dice Iran “la missione dell’OPAC per i lavori di ricerca hanno lunga distanza, e non raggiunge il luogo dell’incidente, sotto il pretesto di motivi di sicurezza, da alcuni anni fa ed è piuttosto atipico”, è stato considerato.
I primi ufficiali russi hanno richiesto una serietà nell’inchiesta lontano dal lavoro delle commissioni a distanza come avveniva in precedenza e ha detto che i metodi correnti per la ricerca sono insufficienti e insoddisfacente e dovrebbero avere più seriamente.
Il presidente russo, Vladimir Putin, ha detto nei giorni scorsi hanno informazioni sulla possibile futuro “provocazioni” in Siria per tentare di “colpa” per il governo di Bashar Al-Assad di attacchi con armi chimiche, anche se non ha offerto alcuna prova di questo sospetto.
L’obiettivo di queste nuove azioni, avvertito Putin, sarebbe “depositare qualsiasi sostanza and blame le autorità siriane ufficiale del suo uso”, secondo l’agenzia di notizie di Sputnik.