Trump chiede “più dure” sanzioni ONU contro la Corea del Nord

Untitled
La gente ha bendata per decenni e ora è il momento di risolvere il problema, ha insistito il repubblicano. | Foto: Reuters

Il Presidente degli Stati Uniti (US), Donald Trump, considerava lunedì che il Consiglio di sicurezza dell’organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) dovrebbe essere imposte “ulteriori sanzioni più severe” contro la Corea del Nord, prima le tensioni generate dai suoi programmi nucleari e missili balistici.
“Si tratta di una vera minaccia per il mondo, Corea del Nord è un grave problema globale ed è un problema che dobbiamo risolvere infine,” ha insistito rappresentante ambasciatori dei paesi membri del Consiglio di sicurezza, durante un pranzo alla casa bianca.
“La gente ha bendata per decenni e ora è il momento di risolvere il problema,” ha aggiunto il repubblicano.
> Xi chiamato per la moderazione con Pyongyang in conversazione con Trump allo stesso tempo, Trump ha tenuto una conversazione telefonica sulla Corea del Nord, con il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il Presidente cinese Xi Jinping, che ha ribadito “l’emergere della minaccia poste dai programmi di balistici e nucleari della Corea del Nord e si sono impegnati a rafforzare il coordinamento per raggiungere la denuclearizzazione della penisola di Corea” , secondo una dichiarazione della casa bianca.
Tuttavia, la Cina è fermamente contraria a qualsiasi azione che è in contrasto con le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e spera che “tutte le parti esercitano moderazione ed evitare di fare qualcosa che peggiorano la situazione tesa sulla penisola,” secondo un comunicato dal Ministero di affari esteri cinese.
> Corea del Nord minaccia “ridotto in cenere” negli Stati Uniti.
Il governo di Pyongyang ha avvertito la domenica che la distribuzione della portaerei Carl Vinson è “un atto estremamente pericoloso da coloro che stanno progettando una guerra nucleare per invadere la Corea del Nord” e minacciato U.S. con distruggendo “uno colpo” portaerei che si trova nel mare delle Filippine, come un preludio alla penisola coreana.

La portaerei Carl Vinson ha quasi 70 aerei, 24 F/A-18 cazabombardeos, dieci carri armati aerei aerei antisommergibile dieci S-3A, sei elicotteri antisommergibili SH – 3H, quattro aerei di guerra elettronica EA-6B e quattro velivolo in anticipo di avviso E-2. | Foto: Reuters.

 
> Cina conferma la presenza militare in Corea del Nord confine