Aumentare a 114 morti dopo che “Il bambino costiero” in Perù

Untitled
Lo stato di emergenza è mantenuto nei cinque distretti della provincia di Lucanas, Ayacucho. | Foto: EFE

Il tributo di morte da forti piogge e inondazioni in Perù è aumentato a 114, dagli effetti del fenomeno climatico “El costiera bambino” in diverse aree del paese.
Il centro delle operazioni di emergenza nazionale (COEN) ha pubblicato un rapporto sabato in cui dettagliate che il numero totale delle vittime è 185.873 e ci sono 1 milione colpiti 81.893.
Un totale di 242,433 case danneggiate e 2.150 scuole, 549 ponti, 6,477 chilometri di strade, 60,400 ettari di coltivazioni e 45,335 canali di irrigazione colpite, ha lasciato il disastro naturale. 

#Perú alcune immagini di #Cajamarca segue l’emergenza di piogge pic.twitter.com/EHRnpkOZhb – Jaime Herrera (@JaimeteleSUR) 23 aprile 2017 i COEN ha riferito che egli rimane lo stato di emergenza in cinque distretti della provincia di Lucanas: San Pedro, San Juan, Lucía, Huac-Huas e San Pedro de Palco, così può prendere misure necessarie ed immediati nella riabilitazione delle zone colpite.

Dichiarare lo stato di emergenza in 5 distretti della provincia di Lucanas, Ayacucho. Consulta qui #COEN➡ https://t.co/GAURxJyuiH pic.twitter.com/mvq2bFe8DP newsletter – COEN Perù (@COENPeru) 22 aprile 2017 > medici cubani ha partecipati a circa 6 mila vittime in Perù ha aggiunto che non sono scartati docce isolati e moderata intensità della regione di Tumbes nel mese di aprile. Tuttavia, ha detto che il “bambino costiero” è fine e si trova “in discesa Frank”, probabilmente si concluderà alla fine di aprile o all’inizio di mayo. 

#Perú immagini di come è stato #Cajamarca dopo pic.twitter.com/uvGGnhpabU grandinata – Jaime Herrera (@JaimeteleSUR) 23 aprile 2017 diversi studi sostengono che le piogge che si sono verificati nel paese sono simili al fenomeno di El Niño del 1998, quando c’erano 500 morti e una caduta del PIL del 6 per cento.