Giudice ordina fermata a Cristián Labbé ex-Pinochet capo della sicurezza

Untitled
Il colonnello in pensione è stato rilasciato su cauzione dopo essere stato arrestato per un altro reato di tortura commit nel 1975. | Foto: Una agenzia

L’ex capo della sicurezza di Augusto Pinochet, l’esercito Cristian Labbe, colonnello in pensione è accusato dalla giustizia cilena di torturare quattro persone durante la dittatura militare (1973-1990).
La determinazione è stata presa dal ministro in visita (giudice speciale) per le cause dei diritti umani, Álvaro Mesa, che accusa Labbé di torturare un elettricista identificato come Harry Cohen e altri tre in città meridionale della Panguipulli, tra ottobre e novembre 1973, fonti giudiziarie riferito Giovedi.
La tabella di ministro deciso quel colonnello in pensione è detenuto dalla brigata dei diritti umani della polizia di ricerca Cile (PDI) e trasferito al reggimento Tucapel nella regione La Araucania, circa 650 chilometri a sud di Santiago.
Secondo avvocato procuratore, Roberto Avila, Labbé, che fu sindaco del comune di Providencia, ha partecipato alla creazione della temibile direzione del national intelligence (DINA), al Green Gables, dove viene elaborata e poi girato il paese per insegnare la tortura.
L’elettricista giovane è stato arrestato nella città di Futrono, apparentemente dal suo sguardo di capelli lunghi “è stato scelto a caso” e servito come una cavia in un centro operativo a Panguipulli, aggiunto Avila ha detto alla radio cilena Biobio.
> 33 Pinochet funzionari condannati dalla giustizia cilena