Accusare la Siria e la Russia Stati Uniti di dirigere la guerra terroristica

Untitled
Abbas ha spiegato che l'attacco americano l'esercito arabo siriano cerca di amplificare il morale dei terroristi. | Foto: sano

Il Presidente dell’Assemblea del popolo della Siria, Hadiya Abbas, ha denunciato che il sedicente Stato islamico (turco in arabo) è un prodotto degli Stati Uniti, creato con finanziamenti da Arabia Saudita e Qatar.
“Hillary Clinton (presidenza excandidata) ha detto durante la sua campagna elettorale che questa organizzazione è un’industria degli Stati Uniti e ha lavorato per creare un luogo per investire questo prodotto in Siria,” ha detto il presidente durante un incontro con la delegazione del Consiglio sociale russo.
Abbas anche esteso il suo reclamo alla Turchia che è accusato di “introdurre centinaia di migliaia di terroristi in Siria che provenivano da oltre 90 paesi del mondo”. Di fronte a questa minaccia, che il governo siriano ha chiesto aiuti dalla Russia e dall’Iran nella guerra contro il terrorismo.
Ha spiegato che lo scopo degli Stati Uniti è stato quello di amplificare il morale dei terroristi utilizzando l’incidente in Khan Shaikhoun dopo le vittorie che avevano raggiunto l’esercito arabo siriano su gruppi terroristici. Questa denuncia già constatata dal presidente siriano Bashar Al-Assad.
Ha ricordato che la Siria ha preso in consegna delle armi chimiche nel suo arsenale sotto la supervisione internazionale e che la Siria non ha utilizzato e non verrà mai utilizzato armi di questo tipo.
Il Presidente ha preso la riunione per estendere il loro apprezzamento da parte del popolo siriano al Consiglio della Federazione Russa a condannare l’aggressione degli Stati Uniti contro la Siria. I membri della delegazione russa ha ricordato che la guerra in questo paese è il risultato del fallimento dei nemici della Siria di tentare di rimuovere il governo legittimo dopo la “primavera araba”, prima di questa sconfitta si rivolse alla guerra terroristica.
> Russia rifiuta categoricamente link all’attacco chimico in Siria