Facebook vuole evitare che siete vittima di “sesso per vendetta”

Untitled
Il social network sospenderà l'account dell'utente che condividono intimo senza immagini di autorizzazione, dovrebbe ripetere questo comportamento e raccogliere denunce. | Foto: Getty

Mercoledì scorso, Facebook ha lanciato uno strumento per facilitare gli utenti per denunciare la cosiddetta “vendetta sesso” all’interno della piattaforma e impedire automaticamente che immagini essere condivise sia in Messenger e Instagram, una volta che sono state bandite.
Quando segnalare, confermare o eliminare fotografie intime condivisi su Facebook senza autorizzazione, l’impresa utilizza un software di ricognizione fotografica (foto di abbinamento), “per aiutare a contrastare tentativi di condividere le immagini intime nuovamente sulla piattaforma”, ha detto il capo della sicurezza globale per il social network, Antigone Davis.
Ha anche avvertito che può anche sospendere l’account di chi ha condiviso l’intimo senza immagini di autorizzazione, devono ripetere questo comportamento e raccogliere denunce.
Davis ha aggiunto che stanno anche lavorando con varie organizzazioni di sicurezza che forniscono risorse e sostegno alle vittime di questo tipo di flagello.
> Facebook già mette in guardia gli utenti sulle notizie sesso falso”vendetta” si riferisce alla pubblicazione di immagini sessuali esplicite su Internet, senza il consenso delle persone che sono in essi, al fine di estorcere loro o li umiliano. 
Secondo uno studio negli Stati Uniti con le vittime della vendetta sesso, 93 per cento delle persone colpite ha affermate di aver sentito un profondo dolore e 82 per cento ha sostenuto di aver subito ripercussioni indesiderate nel sociale, professionale e amorevole.
> Messenger giorno Facebook diventa concorso di Snapchat