Che cosa vogliono dire gli elementi di Guernica di Picasso?

Untitled
Guernica è sotto la custodia del Museo d'arte moderna di New York. | Foto: @Cultura_blog

Il celebre dipinto di Pablo Picasso (Guernica) ha portato a tutti i tipi di interpretazioni nel corso del tempo. Lo storico condotto una delle analisi più conosciuti sull’immagine inglese, Anthony Blunt, fu incaricato di studiare i nove caratteri che compongono il famoso dipinto.
Questa è stata l’interpretazione data a ciascuno dei simboli del Blunt ‘Guernica’.
> Mostre ritratto e la porta della cella dello scrittore Oscar Wilde El Toro il toro in questo lavoro di Picasso è un simbolo della brutalità a cui era soggetto il popolo durante la guerra civile spagnola. Riflette anche il terrore che l’artista sentiva prima degli eventi che si sono verificati nella sua nativa Spagna.
La donna con l’immagine del ragazzo morto degli orrori del conflitto nella società spagnola. La madre del bambino morto ricorda ‘Misericordia’.
Il guerriero la rancherita è un’allegoria alla speranza, che che persiste nonostante l’orrore della guerra.
Il cavallo è una delle immagini più studiate dagli storici. I ricercatori sostengono che essa rappresenta per le vittime innocenti della guerra. Tuttavia, il Picasso stesso ha detto nel 1945 che il cavallo bullonati e persino svenuto riferendosi alla Spagna di Franco.
Il piccione, ma non è completamente visibile, perché è lo stesso colore sulla tela, è considerato emblematico della pace rotto.
La lampadina alcuni storici sostengono che essa rappresenta il progresso scientifico e progresso sociale, altri ritengono che è una forma di distruzione di massa. 
> La consegna del Premio Cervantes sarà 20 aprile in Spagna con quinque look donna donne perdita che illumina la scena con una lampada è visto come una metafora di ciò che resta della Repubblica.
Le donne prendono Picasso usato la figura di una donna ferita sulla gamba destra per riflettere la crudeltà della guerra.
Donna sul fuoco ancora una volta l’artista utilizza la figura di una donna a cui notato il suo lavoro nell’orrore della guerra.