Guatemala: desolazione nelle famiglie dei bambini bruciati in ostello

Untitled
Attraverso una telefonata Kimberly Palencia parenti sapevano che la ragazza aveva mesi in altra assicurazione casa, dove morì calcinato. | Foto: EFE

Il dipartimento del Welfare sociale era tre mesi per evitare che la famiglia di Palencia avere contatto con sua figlia per presumibilmente essere punito, lo sapevano quando hanno comunicato loro che era il vittima numero 39 del fuoco presso la casa di Virgen de la Asunción.
L’adolescente è rimasto in un centro per minori in conflitto con il diritto penale, almeno così aveva capito i loro cari che erano stato tre mesi senza vedere la ragazza per motivi indipendenti dalla loro volontà.
Da allora non erano a conoscenza che la ragazza era stata trasferita in un altro luogo di detenzione, caro loro esseri di Kimberly ha ricevuto la notizia della sua morte attraverso una chiamata effettuata da loro autorità dopo non hanno reclamato il corpo.  
Secondo le dichiarazioni di parenti ed amici del Kimberly, il segretariato sociale del Welfare ha impedito loro di visitare il piccolo, ricevendo come scusa che la ragazza è stata punita con diritti sospesi alle visite.
Durante il periodo di tempo in cui i membri della famiglia non potevano vedere Kimberly stima che è stato spostato in home assicurazione, luogo dove morì calcinata nella peggiore tragedia umanitaria durante il mandato di Jimmy Morales.
Questo tragico caso della casa assicurazione nostra signora dell’assunzione ci sono 3 detenuti funzionari che dovranno affrontare la giustizia per loro responsabilità o omissioni.
> Nina denunciato abusi in assicurazione sulla casa del Guatemala prima di morire