Austria ritiene che le sanzioni contro i danni della Russia all’Unione europea

Untitled
La Russia dichiarò più volte di non avere nulla a che fare con il conflitto interno in Ucraina. | Foto: EFE

Il Cancelliere d’Austria, Christian Kern, ha detto venerdì che la punizione che l’Unione europea (UE) ha dato alla Russia per la sua partecipazione nel conflitto ucraino notevolmente deteriorato l’economia comunitaria. Anche chiesto ai paesi che compongono la coalizione insieme a ricucire i rapporti con Mosca.
“Dobbiamo fare di più. Dal mio punto di vista, abbiamo visto che le sanzioni erano a scapito della crescita economica in Europa, quindi è nel nostro interesse avere un rapporto più rilassata ed equilibrata con la Russia”, ha detto Kern quando arrivò al vertice dei membri dell’Unione europea che si svolge il venerdì a Bruxelles.
> Lavrov: “tutti dovrebbero sostenere la lotta contro il terrorismo” Kern menzionato che ci sono opinioni contrastanti sulla questione russa “un molto a favore di un ritiro graduale delle sanzioni e altri molto rigida su questo”.
Il funzionario ha anche sottolineato che la situazione in Russia “dovrebbe essere discusse tra i 27″ e “ancora non è il momento di prendere una decisione”.
Per quanto riguarda se il riavvicinamento tra Stati Uniti (US). U.) e la Russia ha qualcosa a che fare in quella posizione, Kern ha detto che “l’Europa ha di avere fiducia in sé e verificare i propri affari”.
> Lavrov: accuse sull’interferenza russa sono test “Non dobbiamo sempre guardare il signor Trump”, ha detto.

In contesto le relazioni tra Mosca e l’Occidente ha peggiorato quando un conflitto interno in Ucraina ha provocato l’incorporazione della Crimea alla Russia.
In quell’occasione, USA, UE e altri paesi detto sì a una serie di sanzioni contro la Russia, il paese eurasiatico ha risposto con un divieto sulle importazioni di cibo.