Arquelogos iraniano si trova la tomba di giganti di due metri

Untitled
Oltre al corpo, il team di scavo ha scoperto un gran numero di oggetti, quali piatti, ciotole di ceramica, vasi e altri utensili di grande importanza storica. | Foto: Sputnik Novosti

Un gruppo di archeologi hanno trovato una tomba in Iran, dove scoprirono i resti di un essere umano, in cui l’altezza potrebbe essere determinato più di due metri.
I resti sono stati situati nella provincia iraniana del Lorestan e data di mila 500 anni circa. Secondo loro gli studi fatti, potrebbero appartenere a una persona che ha vissuto nel periodo dell’Impero sasanide, il secondo impero persiano, che ha dominato l’Iran e gli altri territori durante loro importanti scoperte del > 12 anni 224 e 651 A.C. archeologici della storia il capo della squadra di scavo, l’archeologo Ata Hasanpour, è stato il costo dell’annuncio della scoperta.
“Nel nord della zona di Chia Sabz trovato la tomba di un uomo di età avanzata di circa due metri di altezza di rende 1400 a 1800 anni di antichità, composta da quattro pareti di argilla, coperto con una grande lastra di pietra”, ha detto.

کشف اجساد ۱۸۰۰ ساله در لرستان / vedete https://t.co/43HLMWNx73 pic.twitter.com/JtmFEGRCaD – a getto d’aria (@airjet19) 2 febbraio 2017 le misure di tomba due metri e 25 centimetri di lunghezza, che lo rende possibile dedurre che la persona sepolta superava l’altezza di due metri.
Inoltre, sono stati trovati un gran numero di oggetti che rappresentano un tesoro di grande importanza storica, che risale a migliaia di anni.
Il tesoro comprende piatti, ciotole di ceramica, vasi dipinti, timbrato decorazioni, monete e utensili in pietra. Le indagini suggeriscono quella data gli oggetti risalgono ai tempi dell’impero achemenide (330-550 a.c.) e sono il primo che si trova nella provincia di Lorestan.
Durante gli scavi, gli archeologi hanno trovano due colonne, che credono che essi sono parte di un’antica sala cerimonia.
> Egitto recupera 340 pezzi del periodo tolemaico