Gioco del calcio giocatore rifiuta di giocare in Israele

Untitled
Michael Bennett gioca per i Seattle Seahawks. | Foto: Reuters (file)

Un membro della linea difensiva dei Seattle Seahawks, Michael Bennett, ha rifiutato di viaggiare con la sua squadra in Israele, per evitare che il governo sionista utilizzò la sua immagine e così per esprimere solidarietà con il popolo palestinese.
È previsto che il 18 febbraio Seattle Seahawks riprogrammato una mostra nel match di Jerusalem. Il ministro del turismo, Yariv Lavin, aveva sospeso che li atleti visitatori è si trasformerebbe in “Ambasciatori di Israele per la buona volontà”.” Non userò questo modo “, ha detto Bennett in un comunicato pubblicato sul suo account Twitter.

pic.Twitter.com/7KERLCguoh – Michael Bennett (@mosesbread72) 11 febbraio 2017 giocatore di Seattle ha detto che ha intenzione di visitare Israele ma solo se il tour include fermate in Cisgiordania e la striscia di Gaza per parlare con i palestinesi.
> Abbas chiede cesar insediamenti a riprendere il dialogo con Israele nel testo, ricordando l’esempio del pugile Muhammad Ali, Bennett ha detto che anche lui vuole “dare voce a coloro che non dispongono di questo”. ”
Poiché il sionista e politiche espansionistiche del governo di Israele più di mezzo secolo fa essi hanno imposto forzato esilio di almeno 2 milioni di palestinesi, cui paese è stato con il 12 per cento del loro territorio storico.
Secondo le organizzazioni che i difensori dei diritti umani, alcuni palestinesi 7.000, 400 di loro minore di età, vivono in condizioni disumane nelle prigioni israeliane, privo di diritti come acqua, cibo, cure mediche, istruzione, visite regolari e difesa legale.