Papa autorizza l’assoluzione indefinito del “peccato di aborto”

Untitled
Francisco ha detto che nonostante questa misura la Chiesa ancora considera l'aborto come un peccato grave. | Foto: EFE

Padre Francisco esteso lunedì indefinitamente la capacità dei sacerdoti assolvono il “peccato di aborto”, una misura che era stata autorizzata soltanto durante l’anno santo della misericordia che ha concluso domenica.

“Così nessun ostacolo è stand tra la richiesta della riconciliazione e il perdono di Dios, d’ora in avanti sovvenzione a tutti i loro sacerdoti, a causa del suo ministero, la facoltà di assolvere per hanno cercato il peccato dell’aborto”. Come aveva concesso modalità limitata per il periodo di pensionamento estenderla adesso in tempo, nonostante qualsiasi cosa contraria”, legge la lettera apostolica data dal Pontefice.

> Accusano di cardinali del Vaticano per il Papa Francisco di eretico la dottrina cattolica stabilisce che l’aborto è un peccato grave che merita la scomunica e un sacerdote solo potrebbe assolvere dopo essere autorizzato da un vescovo o del Papa stesso.

Nonostante questa autorizzazione, il leader massimo della Chiesa cattolica ha sottolineato nella sua lettera che la pratica continua ad essere considerato un peccato grave, poiché mette fine a un innocente di vita umana.

“Voglio sottolineare con tutte le mie forze che l’aborto è un peccato grave, perché mette fine a una vita umana innocente.” “Con la stessa forza, tuttavia, può e deve affermare che non c’è nessun peccato che la misericordia di Dio non può raggiungere e distruggere, lì dove si trova un cuore pentito”, ha detto.

> Papa assicura che li comunista pensare come loro cristiano il Papa Francisco invita a rinnovare il tempo di perdono, di riconciliazione e di carità con loro più bisognosi ed esteso gli altri disposizioni che avevano autorizzato durante il Giubileo, come esso del premio di assolvere loro peccati ai loro sacerdoti della Fraternità San Pio x, li chiama lefebvriani.