Onu avverte di gravi violenze in Iraq e chiede protezione dei civili

lainfo.es-10063-ki-moon
Ban Ki-Moon invita a sanzionare le violazioni dei diritti umani della popolazione civile irachena (Foto: Reuters)

Il segretario generale delle Nazioni Unite (ONU), Ban Ki-Moon, ha detto Domenica la gravità della violenza in Iraq e ha invitato le parti a proteggere i civili.
“Il segretario generale invita tutte le parti in conflitto a garantire che la persecuzione di civili a causa della loro religione o etnia fermata immediatamente”, ha detto Ki-Moon attraverso un comunicato diffuso dal suo ufficio ha detto.
Finora, l’ONU ha stimato in un milione di persone hanno abbandonato le loro case derivante dalla violenza, in particolare gli attacchi terroristici da parte dello Stato islamico dell’Iraq e il Levante (EIIL) che ti tiene indovinare alla nazione irachena .
Ban ha espresso preoccupazione per l’aumento segnalazioni di violazioni dei diritti umani, tra cui “esecuzioni sommarie di soldati e detenuti, bombardamenti indiscriminati delle aree civili e il rapimento e l’assassinio di comunità etniche e religiose”, riferendosi al EIIL.
Egli ha anche invitato il governo iracheno a prendere provvedimenti contro coloro che hanno commesso violazioni dei diritti umani o del diritto umanitario internazionale.
L’escalation terrorista ha preso una nuova svolta Domenica, con la proclamazione di un “califfato islamico” di EIIL, attualmente ha il controllo di vaste aree del nord e occidentale dell’Iraq, così come diversi valichi di frontiera con la Siria e la Giordania.Nel frattempo, il governo iracheno ha ricevuto dieci aerei Domenica caccia russo Su-24, secondo il primo ministro Nouri al-Maliki, al fine di contrastare l’avanzata jihadista terrorizzando il paese.