FMI suggerisce Stati Uniti attuare ulteriori misure contro la povertà

lainfo.es-8990-fmi-y-del-16705165
Il direttore del Fondo monetario internazionale ha espresso preoccupazione per l'economia degli Stati Uniti (Foto: AFP)

Un nuovo piano d’azione per combattere la povertà, come la riduzione astensioni dal lavoro alle politiche di produzione, aumentare i salari e la partecipazione al lavoro e investire in infrastrutture migliori, fa parte delle raccomandazioni del Fondo monetario internazionale che rende l’America nella sua relazione annuale.
Il documento illustra un’analisi dell’economia di un paese potenza, che può ora essere considerato in sviluppo. “Dovrebbe migliorare le prospettive di crescita a lungo termine nel più grande economia del mondo, perché questo beneficeranno anche il resto”, recita il testo.
Il FMI dice che la crescita del paese degli Stati Uniti è il due per cento di quest’anno, il che significa una riduzione dal 2,8 per cento stimato in aprile. 2015 è il tre per cento secondo le stime, a causa delle devastazioni dell’inverno e il rallentamento economico “fatica a riprendersi.”
Questo a causa della recessione ha generato un tasso di povertà superiore al 15 per cento, cinque anni dopo la crisi, un problema che colpisce quasi 50 milioni di americani. Secondo il FMI, USA deve riattivare lo spazio per occupazione e aumentare il tasso di salario minimo “basso” rispetto ad altri paesi.
“Gli Stati Uniti devono investire nel loro futuro. Priorità è investire nella sua gente, a reinserirsi nel mercato del lavoro”, ha ribadito il suo direttore generale, Christine Lagarde, ribadendo che dovrebbe migliorare il servizio di assicurazione sanitaria e attuare politiche di creare più posti di lavoro.”E ‘necessario un mercato del lavoro solido per permettere al paese di lottare contro la povertà”, ha detto Lagarde ha detto che mentre è importante aumentare i salari attualmente 7,25 dollari l’ora, per la crescita economica lenta stimata non compenserà il “perdita di slancio” nel primo trimestre a causa della debole domanda globale.