UE potrebbe distribuire tra i suoi membri i profughi soccorsi

lainfo.es-8777-italia
Italia riceve un grande afflusso di immigrati africani e Siria (Foto: Clarín)

Le Nazioni Unite hanno esortato l’Unione europea ad aiutare l’Italia ad assorbire il gran numero di immigrati provenienti dal Nord Africa che sono in salvo in acque internazionali, un portavoce ha detto Venerdì l’organismo internazionale.
Attualmente, la legislazione dell’Unione europea (UE) su quelle ricorrenti profughi, richiede che sia il paese in cui la persona che ha gestito la domanda, ponendo una maggiore responsabilità su paesi come l’Italia, che sono sulla punta meridionale d’Europa, si avvicina il continente africano.
Carlotta Sami, un portavoce per l’Europa meridionale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), ha sottolineato che il soccorso in acque internazionali dovrebbe essere ammesso e distribuiti nei paesi membri della UE, magari attraverso un sistema di negoziato quote.
“Le domande di asilo possono essere trattati congiuntamente da più Stati membri dell’UE, e che potrebbero continuare la ripartizione delle quote tra i paesi che potrebbero ospitare e ricevere un numero di rifugiati”, ha detto Sami.
L’immigrazione dai numeri
In ottobre 2013, affondò una nave che trasportava migranti provenienti dall’Africa verso l’isola italiana di Lampedusa (sud) con un bilancio di oltre 250 morti. Circa 140 imbarcazioni con 13 000 075 rifugiati sono arrivati ​​a Lampedusa quest’anno, secondo il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz.En tutti del 2013, circa 40 mila immigrati arrivati ​​in Italia dalla Siria e Eritrea.Quest’anno, più di 50.000 persone sono state salvate dalla Marina Militare e Guardia Costiera d’Italia, che è più di tutto il 2013 e prevede di superare i 62 miliardi di tre anni fa.
L’UE ha visto crescere di oltre il 30 per cento delle domande d’asilo nel 2013, quando la Germania ha ricevuto quasi 110.000 immigrati, fermare paese del mondo. Inoltre, hanno deciso di ricevere 10.000 in più siriano in seguito al trasferimento.