Risoluzione OAS a riprendere il dialogo sulle isole Malvinas

lainfo.es-8129-oea
La risoluzione ha avuto luogo presso l'Assemblea Generale dell'OSA Giovedi. (Foto: Reuters)

Questo Giovedi è stata approvata una risoluzione che propone la ripresa dei negoziati tra l’Argentina e il Regno Unito per ottenere la soluzione della controversia sulla sovranità delle isole Malvinas, per coloro che frequentano l’Assemblea generale dell’Organizzazione dei paesi Stati Americani (OAS) tenutasi a Asuncion (Paraguay).
La risoluzione Argentina ribadisce “la necessità che i governi di Argentina e il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord a riprendere, quanto prima possibile, i negoziati per la controversia sovranità, al fine di trovare una soluzione pacifica a questo protratto polemica “, ha detto il documento.
La maggior parte dei rappresentanti della OEA, a meno che il Canada, sostenuto la determinazione del governo argentino di insistere sulla ricerca di una soluzione pacifica della controversia.
Dal 1965 più di 40 risoluzioni delle Nazioni Unite (ONU) che richiedono per il dialogo tra Buenos Aires e Londra.
In primo luogo, il ministro degli Esteri argentino Hector Timerman ha rilasciato dichiarazioni circa la causa del suo paese sul territorio dell’isola. “Ancora una volta vengo a segnalare l’esistenza di un anacronisimo coloniale”, così ha affermato che la Gran Bretagna deve «rispettare l’obbligo di negoziare.”
Ha fatto riferimento alla 1833 invasione delle isole, che ha portato alla «protesta permanente dei nostri delegati.” Egli ha indicato che la risoluzione di questo problema deve prevalere “il diritto internazionale” e “essere risolto con mezzi pacifici.”Egli è stato distaccato controparti Venezuela, Bolivia ed Ecuador anche sostenuto la causa della fine di metodologie retrograde come la colonizzazione, e ha esortato Regno Unito a riprendere i colloqui sul conflitto delle Malvinas, al fine di trovare al più presto soluzione pacifica, giusta e duratura.
Il ministro degli Esteri ecuadoriano Ricardo Patiño ha detto che “recenti vertici di Alba, CELAC e UNASUR hanno espresso la loro forte opposizione all’invasione delle isole Malvinas e le autorità riprendere il dialogo sulla controversia.”
La disputa tra Argentina e Gran Bretagna sulla sovranità delle isole Malvinas, situato nel Sud Atlantico, risale al 1833, quando gli inglesi occuparono l’arcipelago. In 2 aprile 1982 le truppe argentine sbarcarono sull’isola, sotto il nome di isole Malvinas, che sono stati occupati da mezzo secolo fa dal Regno Unito. Era l’inizio di un 74-day guerra che-mai dichiarato ufficialmente conclusa nel giugno dello stesso anno con la sua consegna alle forze d’invasione inviati dalla nazione europea.